Curiosità

La piccola sindrome del potere: arroganza e cinismo

Abraham Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, ha dichiarato: "Se vuoi mettere alla prova il personaggio di un uomo, dagli il potere".

Questa massima porta un intenso rapporto con la sindrome del piccolo potere, che si espande attraverso le sue tecniche di dominio nelle relazioni sociali, causando danni psicologici e morali a persone e gruppi.

Il termine sindrome deriva dal greco "syndromé", che significa "incontro". È un concetto usato per caratterizzare i sintomi che definiscono una malattia o una condizione. In questo contesto, la sindrome del piccolo potere si riferisce agli atteggiamenti autoritari degli individui, quando ricevono una quota minore di potere, che tuttavia genera paura e sofferenza nelle loro vittime.

È un problema psicosociale e questa sindrome vuole controllare la libertà degli altri, abusando della sua autorità nella convivenza umana.

Potenza è una parola che ha avuto origine dall'espressione latina "possum", che rappresenta "essere in grado di", un concetto che viene applicato in diverse aree.

Non è che il potere sia cattivo, poiché non tutti lo usano per scopi malvagi. Ma nella sindrome del piccolo potere è usato con orgoglio da coloro che hanno la leadership in agenzie pubbliche, aziende, famiglie, scuole, chiese, partiti politici ecc., Inacidendo il rapporto interpersonale.

Sbarazzarsi delle azioni dei soggetti con la sindrome del piccolo potere non è facile, poiché fanno di tutto per rimanere in ufficio e ancora non si preoccupano se vengono ricordati come personaggi cattivi.

Ogni volta che questi leader vanno oltre i limiti del piccolo potere, è perché sono diventati politici o dirigenti, tuttavia rimangono individui arroganti e indifferenti per il benessere degli altri e non provano empatia o senso di colpa, solo che ora ricoprono posizioni pubbliche elevate o sono amministratori delegati di grandi aziende.

Tuttavia, è come dice il proverbio: "La giustizia richiede tempo, ma non fallisce" e hanno rivelato che queste creature non hanno tanto potere quanto credono. Non è per nulla che sentiamo che taluni cadono o la fanno finita perché non sostengono la perdita di potere.

Se questo articolo ti è piaciuto, lascia un commento e condividilo con i tuoi amici!

Tags
emozionisenitmenripensiericuriositàsindromepoterepiccolaarroganzaempatiaperdere
COMMENTA